Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. LEGGI L'INFORMATIVA ESTESA

Approvo
SCARPEROTTE2015 facebookwide01

SCARPE ROTTE 2014 | FESTA, AGGREGAZIONE E SPETTACOLO NEL SEGNO DELL'ANTIFASCISMO, DEL LAVORO E DEI VALORI DEMOCRATICI

227251 181864888531531 4183969 nRicordare la Resistenza di ieri, perché rischiari il cammino alle Resistenze del presente. Essere un ponte  - un festoso, vitale e coloratissimo ponte - tra due fondamentali ricorrenze civili come il 25 Aprile e il Primo Maggio. Tra la Festa della Liberazione dalla barbarie nazifascista e la Festa dei Lavoratori. Tra gli ideali di libertà e democrazia che animarono la lotta partigiana e nutrirono la Costituzione nata da quella lotta, e le motivazioni per cui qui e ora siamo chiamati a rinnovare e attualizzare quegli ideali nel pesante scenario di contraddizioni che vediamo e viviamo ogni giorno.

Scarpe Rotte... è nato per questo, e l'obiettivo - almeno stando alla risposta data dalla città al "Festival della Resistenza di ieri e delle Resistenze di oggi" che dal 2012 si anima tra Forte Marghera, Forte Carpenedo e ("new entry" dell'anno scorso) Forte Mezzacapo - si può dire che finora sia stato centrato.IMG 2563

Scarpe Rotte... torna per la terza volta, e squadra e formula che vincono non cambiano. La memoria che si eleva dal mero livello della celebrazione e della commemorazione e diventa festa, musica, incontro, scambio, contaminazione: di generi di spettacolo, di linguaggi e contenuti. Le ragioni da portare avanti, in questi spigolosi anni di crisi, viaggiando "in direzione ostinata e contraria" ma traendo forza e argomenti dallo spirito di quei "ribelli della montagna" che seppero ridarci la democrazia. Le generazioni che si incontrano, si conoscono più a fondo e si passano il testimone di ideali nobili e di principi che non conoscono prescrizione. Ma anche la sacrosanta voglia di divertirsi, stare insieme, condividere la riflessione come l'allegria nell'ambito di spazi unici, preziosi e affascinanti, di beni irrinunciabilmente "comuni" quali sono i Forti del campo trincerato di Mestre.

Scarpe Rotte... anche quest'anno accompagnerà la città dall sera del 24 Aprile al Primo Maggio. L'impegno del "cartello" di realtà che contribuisce a realizzarlo è quello di offrire ancora una volta un programma di proposte e opportunità in grado di emozionare, divertire e far pensare nel contesto di una festa di popolo che unisca, aggreghi e ci ricordi che siamo in tanti. In tanti a non amare l'omologazione e il sopruso; in tanti a reclamare una rinnovata stagione di diritti, valori e solidarietà.