Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. LEGGI L'INFORMATIVA ESTESA

Approvo
dispensa homeLA DISPENSA DEL FORTE è concepita come vetrina principale per i prodotti dei Forti. Una bottega permanente del consumo consapevole che propone prodotti alimentari e non, orientata alla qualità, alla descrizione della provenienza, dei criteri di produzione e di lavorazione. LA DISPENSA è un punto ristoro critico aperto dal martedì alla domenica in concomitanza con le mostre e gli eventi del programma “VIVILFORTE 2011”. All’interno di questo nuovo spazio si terranno presentazioni di libri, esposizioni fotografiche e di pittura; nell’ambito culinario verranno inoltre proposte degustazioni eno-gastronomiche di prodotti etici e di filiera corta. Buon Ristoro.

NEXT EVENTS DISPENSA

Nessun evento

POMODORINO CORBARINO

NOI USIAMO:

Pomodorino Corbarino DANIcoop: è una cooperativa agricola nata nel 1991 è composta da oltre 100 soci. E' iscritta all'albo delle Fattorie Didattiche della Regione Campania ed alla Coldiretti di Salerno. La cooperativa aderisce al presidio slow food del pomodoro di San Marzano la cui commercializzazione è tra le sue attività principali.

pomodorino-campano-01Materia prima

Pomodorini Corbarini dei Monti Lattari

Ingredienti

Pomodorini Corbarini, succo di Corbarino

Aspetto

Si presenta di colore rosso intenso, con una particolare forma allungata tendente al piriforme

Sapore

Dolce, assolutamente non acido neanche dopo la cottura

Curiosità

Con la denominazione 'Pomodoro Corbarino' si identifica la bacca della specie Lycopersicon Iycopersicum, che deriva dall'ecotipo 'Corbarino', coltivato nel territorio della regione Campania. Viene prodotto prevalentemente sulle colline di Corbara, nell’agro Nocerino-Sarnese, in provincia di Salerno (ma anche in provincia di Napoli, nell’area Pompeiana-Stabiese), questo pomodorino, di colore rosso intenso, con una caratteristica forma allungata tendente al piriforme e dal tipico sapore agro-dolce, rappresenta una delle più significative testimonianze della tradizione rurale locale. Questo pomodorino è particolarmente ricco, oltre che di vitamine e sali minerali, anche di salutari sostanze antiossidanti. Un tempo la sua produzione era destinata prevalentemente al consumo fresco o alla preparazione artigianale di conserve: particolare la tecnica di conservazione, tramandata fino ai nostri giorni, che prevede l’intreccio dei rametti portanti grappoli di pomodorini, fino ad ottenere dei grossi “piennoli” da conservare durante l’inverno, appesi in luoghi semiombreggiati e ben ventilati. Oggi l’aumento della domanda di Pomodoro Corbarino ed il crescente interesse da parte delle industrie di trasformazione locali, hanno determinato uno sviluppo delle coltivazioni anche in aree di pianura, sebbene questo ortaggio esprima le migliori caratteristiche nelle produzioni delle zone collinari, dove le elevate escursioni termiche favoriscono il vivo arrossamento e la coltivazione in asciutta conferisce consistenza e sapidità. Il prodotto trasformato (in barattoli di vetro o di latta) è rappresentato dai pomodorini interi, non pelati, immersi in succo ricavato generalmente dagli stessi pomodorini. Esso è particolarmente adatto per preparare, anche in inverno, gustose pietanze tipiche a base di pomodoro.